Statuto

FUSIE - FEDERAZIONE UNITARIA DELLA STAMPA ITALIANA ALL’ESTERO

 STATUTO

Il vigente statuto della FUSIE, presentato dai soci fondatori adottato nella Assemblea costituente del 12-14 novembre 1982, già modificato in occasione del 2° Congresso Assemblea Generale tenutosi a Roma il 22-23 settembre 1995 e’ stato definitivamente approvato con modifiche in occasione del 3° Congresso Assemblea Generale tenutasi a Mestre il 15 luglio 2001.

ART. 1 - Denominazione e Sede

E’ costituita, con sede in Roma, l’Associazione della stampa italiana all’estero e della stampa italiana di emigrazione con prevalente diffusione all’estero, che assume la denominazione di Federazione Unitaria Stampa italiana all'estero (FUSIE).

ART. 2 - Scopi

1) la FUSIE non ha fini di lucro ed ispira le proprie iniziative ed azioni ai valori di democrazia, di pluralismo, di solidarietà e di libertà nonché alla difesa dei diritti dell’informazione e all’informazione e dei diritti fondamentali dell’Uomo, sanciti e tutelati dalla Costituzione della Repubblica Italiana.

2) la FUSIE rappresentanza e tutela i propri associati nei confronti delle massime istituzioni dello Stato italiano, a livello centrale, regionale e locale, con il coinvolgimento delle forze politico- parlamentari, sindacali e sociali democratiche.

3) per una più efficace rappresentanza e tutela degli associati, la FUSIE riconosce e valorizza, nell’ambito delle singole aree continentali, autonome iniziative associative territoriali liberamente promosse sulla base e nel rispetto dei principi statutari e degli indirizzi programmatici assunti dagli organi della stessa FUSIE.

4) Al fine di attuare i propri fini statutari, la FUSIE:

a) promuove iniziative ed azioni dirette a sostenere e potenziare la libera informazione italiana all’estero e dall’estero, prevalentemente in lingua italiana, sulla realtà culturale, economica e sociale dell’Italia e delle comunità italiane all’estero;
b) istituisce un servizio studi e documentazione per la promozione, effettuazione e divulgazione di ricerche, studi, anche attraverso convenzioni con le istituzioni pubbliche e private e con organizzazioni  specializzate, sulla storia, sullo stato e sulla evoluzione delle realtà migratorie;
c) può istituire un organismo che espleti, in forma del tutto autonoma dalla FUSIE, un servizio per l’acquisizione e la distribuzione della pubblicità di pubblica utilità e dei conseguenti proventi;
d) può realizzare, ove possibile, un sistema integrato e polivalente di servizi per i propri iscritti sul piano legale, previdenziale, fiscale ed assicurativo, anche attraverso convenzioni mirate;
e) può assumere iniziative, ove possibile, per una sempre migliore qualificazione professionale e imprenditoriale degli operatori dell’informazione italiana all’estero;
f) acquisisce, nei limiti consentiti dalle disponibilità di cassa e di bilancio, beni mobili ed immobili necessari per il conseguimento dei fini sociali,
g) promuove ed intrattiene rapporti con analoghi organismi operanti in Italia e all’Estero e con istituzioni italiane e straniere;
h) istituisce e aggiorna  l’Albo degli operatori dell’informazione italiana all’estero;
i) attribuisce incarichi di rappresentanza della FUSIE in organismi istituzionali.

ART. 3 - I Soci

1) Può essere socio della FUSIE il legale rappresentante o suo delegato di impresa editrice operante in Italia o all’estero che sia editore di pubblicazioni di emigrazione, e che ne faccia formale richiesta.

2) I requisiti, le condizioni e le modalità di ammissione a socio sono stabiliti dal Comitato di Presidenza della FUSIE.

3) L’ammissione a socio viene istruita dal Comitato di Presidenza e deliberata dal Consiglio Direttivo della 1° riunione successiva alla ricezione della domanda o su specifica richiesta scritta del Presidente in conformità con il comma e dell’art. 9  del presente statuto.

4) L’ammissione a socio comporta l’obbligo:

a) di registrare la testata giornalistica nel Registro Nazionale della Stampa attraverso la Cancelleria del Tribunale o del Consolato d’Italia competenti per territorio, almeno entro l’anno successivo alla approvazione del presente statuto;
b) di pubblicare prodotti editoriali a stampa, inclusi quelli delle Agenzie di emigrazione, con periodicità almeno semestrali;
c) di dare esecuzione alle deliberazioni assunte dagli organi della Federazione;
d) di osservare lo Statuto, il regolamento ed il codice deontologico;
e) di contribuire al Finanziamento della Federazione mediante versamento delle quote sociali e altre forma di contribuzione deliberate dal Comitato di Presidenza su proposta del Direttivo;
f) di inviare su richiesta della Presidenza della Federazione almeno 1 copia di ciascun numero delle pubblicazioni stampate;
g) di riservare larga parte degli spazi di ciascuna pubblicazione alla lingua, alla cultura, alla economia ed alla realtà delle comunità italiane e dei Paesi di accoglimento.

5) La qualità di socio si perde:

a) per dimissioni inviate al Comitato di Presidenza;
b) per il venir meno delle condizioni di cui al precedente comma 4;
c) per espulsione.

6) Contro il provvedimento di reiezione della domanda di ammissione a socio o di suo allontanamento per i motivi di cui al precedente comma 5, lettere b) e c) è ammesso ricorso al Collegio dei probiviri.

 ART. 4 - Patrimonio e Finanziamento

1) Il patrimonio della FUSIE è costituito:

a) dai mobili e dagli immobili di proprietà;
b) dalle quote e dai contributi dei soci;
c) dai proventi di manifestazioni e di attività svolte;
d) dai lasciti, dalle donazioni, dai contributi dalle oblazioni e dalle elargizioni di Enti e di Istituzioni pubblici e di privati.

2) Gli organi statutari non possono deliberare né effettuare alcuna spesa in assenza della relativa copertura finanziaria.

ART. 5 -Gli organi

1) Sono organi della FUSIE;

a) l’assemblea generale dei soci;
b) il Consiglio Direttivo;
c) il Presidente;
d) il Segretario Generale
e) il Tesoriere
f) il Comitato di Presidenza
g) il Collegio dei revisori;
h) il Collegio dei probiviri;

2.) Gli organi statutari eletti restano in carica da una assemblea ordinaria all’altra.

ART. 6 - L’Assemblea generale

1) L’assemblea generale ordinaria viene deliberata dal Consiglio Direttivo e convocata dal Presidente ogni 4 anni. Essa può essere prorogata solo per difficoltà finanziarie o di natura organizzativa.

2) L’assemblea generale straordinaria viene convocata dal Presidente su richiesta di almeno due terzi dei membri del Consiglio Direttivo o di almeno la metà più uno dei soci aventi diritti.

3) All’assemblea partecipano i soci iscritti alla FUSIE in base al Regolamento assembleare approvato dal Consiglio Direttivo all’atto della sua convocazione.

4) I singoli soci possono farsi rappresentare, in assemblea, o da un loro delegato o da altro socio che può disporre di un massimo di 3 deleghe.

5) E’ compito dell’assemblea generale:

a) approvare i bilanci consuntivo e preventivo;
b) proporre ed approvare gli indirizzi generale della FUSIE;
c) eleggere i membri del Consiglio Direttivo, del Collegio dei Revisori e del Collegio dei Probiviri;
d) approvare eventuali modifiche statutarie.

ART. 7 - Il Consiglio Direttivo

1) Il Consiglio Direttivo è composto da un minimo di  23 membri effettivi  eletti dal congresso. Partecipano al voto, che è assembleare, tutti gli aventi diritto presenti in sala; fanno parte del Consiglio Direttivo senza diritto di voto, il Presidente dei Revisori dei conti e quelle del Collegio dei probiviri.

2) il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente (almeno ogni 6 mesi) in via ordinaria e, in via straordinaria, su richiesta di almeno la metà dei suoi membri;

3) le riunioni sono valide con la presenza di almeno la metà più 1 dei componenti in prima convocazione e di almeno 1/3 dei componenti in seconda convocazione;

4) le delibere sono approvate se adottate con il voto favorevole di almeno la metà più uno dei membri del Consiglio;

5) Sono consentite deleghe per un massimo di 3 per ciascun membro;

6) compito del Consiglio Direttivo è di:

a) eleggere nel proprio seno il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario Generale, il Tesoriere e i membri del Comitato di Presidenza;
b) nominare o eleggere uno o più “Presidenti Onorari” che possono partecipare a tutte le riunioni senza diritto di voto;
c) programmare le attività da svolgere, sulla base degli indirizzi generali fissati dalla assemblea generale;
d) approvare i bilanci;
e) deliberare sulla convocazione sul Regolamento e sull'ordine del giorno dell'assemblea generale ordinaria;
f) promuovere eventuali consultazioni tra i soci per verificare i loro orientamenti su argomenti di interesse generale;
g) attuare tutte le iniziative e le azioni di cui al precedente art. 2..

ART. 8 - Il comitato di Presidenza

1) Il comitato di Presidenza è composto da un minimo di 7 membri tra cui il Presidente e il Vice Presidente, il Segretario e il Tesoriere eletti dal Consiglio Direttivo nel proprio seno. La composizione numerica  dovrà essere approvata dal Direttivo.

Il direttivo dovrà eleggere le cariche previste per la Presidenza con elezione a scrutinio segreto. Sulle schede dovranno apparire i nomi e le specifiche cariche con le quali si procederà al voto;

2) i componenti del Comitato di Presidenza durano in carica 4 anni e sono rieleggibili. Le delibere del Comitato di Presidenza sono a maggioranza semplice (metà più 1 dei presenti) in caso di parità di voto il Presidente può esprimere un secondo voto e sono valide con la presenza di almeno la metà più uno dei membri. Sono valide le deleghe per un massimo di 1 delega per ciascun socio;

3) è compito del Comitato di Presidenza;

a) istruire le domande di ammissione a socio e sottoporle alla delibera di Direttivo;
b) attuare le delibere del Consiglio Direttivo;
c) deliberare la nomina dei procuratori alle liste e "ad negotia";
d) verificare affinché non venga effettuata alcuna spesa che non abbia la copertura in cassa o in bilancio.

ART. 9 - Il Presidente

1) Il Presidente:

a) viene eletto dal Consiglio Direttivo;
b) ha la rappresentanza legale della FUSIE e, in tale qualità, firma e quietanza a nome e per conto della Federazione.
c) rappresenta la Federazione in ogni iniziativa pubblica o privata e presso Istituzioni, Ministeri, Comitati e organismi. Può per sua iniziativa delegare altro membro di presidenza o del Direttivo a rappresentarlo. Con il congresso decade ogni nomina a rappresentare la FUSIE prevista dal presente comma.
d) convoca e presiede il Consiglio direttivo ed il Comitato di Presidenza e verifica l’attuazione delle delibere da essi adottate;
e) in caso di urgenza e impossibilità di convocazione degli organi istituzionali può chiedere assenso su una o più proposte tramite dichiarazione scritta ai membri di Presidenza o del Direttivo. Anche in questo caso è sufficiente la metà più 1 degli aventi diritto. La mancata risposta entro il termine previsto è da considerarsi positiva. Le decisioni prese devono essere poi messe all’ordine del giorno della successiva riunione di Presidenza o di Direttivo;
f) nomina i procuratori alle liste e “ad negotia”;

2) in caso di suo impedimento e di sua prolungata, ingiustificata assenza, il Presidente viene sostituito dal Vice Presidente che ne assume tutti i poteri.

ART. 10 - Collegio dei Revisori

1) Il Collegio dei revisori dei conti è composto da tre membri effettivi e due membri supplenti eletti dall’Assemblea a sistema maggioritario.

2) Il Collegio dei revisori dei conti nomina, ove non eletto dall’Assemblea,  il Presidente del Collegio in occasione della sua prima riunione.

3) I Revisori dei conti esercitano collegialmente le loro funzioni secondo le norme stabilite dal Codice Civile.

4) La funzione di revisore è incompatibile con qualsiasi altra carica associativa.

 ART. 11 - Collegio dei Probiviri

1) Il Collegio dei Probiviri è composto da tre membri effettivi e due supplenti eletti dall’assemblea con voto maggioritario.

2) Il Collegio dei Probiviri nomina, ove non eletto dall’Assemblea,  il Presidente nella sua prima riunione. La funzione di Probiviro è incompatibile con qualsiasi altra carica associativa prevista dal presente statuto.

3) Il Collegio dei Probiviri decide sulle controversie relative al rifiuto di iscrizione dei nuovi soci e sulle questioni etico professionali riferite alla probità morale e professionale degli associati.

4) Il Collegio dei Probiviri esercita le sue funzioni su richiesta degli organi statutari e dei singoli soci.

ART. 12

Le convocazione degli organi può avvenire, ed essere valida, in prima seduta quando vi è la presenza della metà più 1 dei membri. Quando non esiste tale maggioranza è possibile la seconda convocazione purché vi sia presente almeno 1/3 degli aventi diritto. Le deleghe sono valide al fine del raggiungimento del numero legale.

ART. 13

Possono far parte negli organismi, se eletti dall'Assemblea dei Soci FUSIE membri esterni purché essi siano presentati da almeno tre soci effettivi della Federazione.

ART. 14 - Scioglimento della FUSIE

Lo scioglimento dell’associazione può essere deliberato dall’Assemblea generale con una maggioranza di 3/4 dei voti espressi dai soci presenti i quali disporranno anche sulla devoluzione del patrimonio sociale.

Condividi...

Copyright © 2012 by F U S I E
Login

. Hostgator coupons - All rights reserved.